Questo sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e di profilazione per migliorare la tua esperienza e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni e per disabilitare i cookie consulta la cookie policy, continuando a navigare acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

Menu
torna al listato

Agenda

SETTIMANA1
SETTIMANA2
SETTIMANA3
SETTIMANA4
SETTIMANA5
SETTIMANA6
SETTIMANA7
SETTIMANA8
SETTIMANA9
SETTIMANA10
SETTIMANA11
SETTIMANA12
SETTIMANA13
SETTIMANA14
SETTIMANA15
SETTIMANA16
SETTIMANA17
SETTIMANA18
SETTIMANA19
SETTIMANA20
SETTIMANA21
SETTIMANA22
SETTIMANA23
SETTIMANA24
SETTIMANA25
SETTIMANA26
SETTIMANA27
SETTIMANA28
SETTIMANA29
SETTIMANA30
SETTIMANA31
SETTIMANA32
SETTIMANA33
SETTIMANA34
SETTIMANA35
SETTIMANA36
SETTIMANA37
SETTIMANA38
SETTIMANA39
SETTIMANA40
SETTIMANA41
SETTIMANA42
SETTIMANA43
SETTIMANA44
SETTIMANA45
SETTIMANA46
SETTIMANA47
SETTIMANA48
SETTIMANA49
SETTIMANA50
SETTIMANA51
SETTIMANA52
Agro
Blogger
Enologia
Eventi
Expo2015
Food
Social
SETTIMANA 39

Cibo crudo: i consigli per mangiarlo in sicurezza

Come riporta IlCentro.it in un articolo, pesce, carne, latte e uova crudi sanno regalarci sapori straordinari e, probabilmente, danno il meglio di sé proprio quando vengono mangiati sotto forma di tartare, carpacci e insalate.

II cibi crudi espongono a rischi concreti chi le mangia, a causa della possibilità di contrarre virus e batteri.

Così preparate, queste materie prime espongono a rischi concreti chi le mangia, ed è proprio per questo che i ristoranti devono sottostare a rigide normative che impongono molti vincoli sia per quanto riguarda la conservazione che la preparazione di questi alimenti.

Per evitare che un pranzo o una cena diversi possano trasformarsi nel rischio di contrarre virus e batteri, IlCentro.it fornisce degli utili consigli a chi vuole cimentarsi con queste pregevoli ricette.

Per il pesce, ad esempio, si consiglia di tenerlo a -18° per almeno 72 ore, così da uccidere eventuali parassiti; per la carne cruda, invece, che ad ogni modo non è adatta a donne incinta, bambini e anziani, si consiglia di consumarla nel più breve tempo possibile, facendo attenzione a non interrompere la catena del freddo; per quanto riguarda le uova da bere direttamente dal guscio, il consiglio è quello di utilizzare solo uova freschissime, controllate, con il guscio pulito e da tenere in frigo fino al momento del consumo.

Per consultare l’articolo integrale si può cliccare su questo link: http://ilcentro.gelocal.it/italia-mondo/2015/08/04/news/occhio-ai-cibi-crudi-sono-buoni-ma-1.11884120

Tag: Food
LASCIA IL TUO COMMENTO
Moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Non ci sono commenti all'articolo.